My BOOKS

tredicesimosimbolo.jpg
Il tredicesimo simbolo

SINOSSI

In questo nuovo romanzo l’antiquario Ludovico Boringhieri è convocato dalla badessa dell’antico monastero di Santa Lucia a Metelliano, nei pressi di Cortona. Gli viene richiesto di valutarne il tesoro e di occuparsi anche della sua eventuale liquidazione per ricavare quanto necessario per la radicale ristrutturazione del cenobio. Dopo lunghe giornate spese ad analizzare ex voto di poco conto, nella sala capitolare scova finalmente un antico ciclo di arazzi medievali di eccezionale valore storico. Durante l’analisi Boringhieri accerta che sul retro di uno di essi è disegnato un labirinto. A questa strana scoperta seguono una serie di efferati delitti, un incendio doloso e un paio di tentativi di aggressioni nei suoi confronti che sconvolgono la quiete dell’antico monastero. L’antiquario grazie al suo intuito e alle verifiche  e ai riscontri effettuati insieme a Jacopo Bernardi, il suo inseparabile collaboratore, snuda scopre retroscena imprevedibili. Nelle indagini dei carabinieri da sospettato diventa un valido collaboratore. Intuisce infatti che l’origine dei crimini risale a fatti avvenuti in tempi antichi e che la chiave del mistero è celata su antiche pergamene e documenti notarili, in arcaici dipinti e nella decodifica del misterioso labirinto, ma il tutto è ancora da ricollegare alla realtà presente. Una scenografia e una serie di ambientazioni ideate per tratteggiare al meglio i caratteri degli altri personaggi, tra continui colpi di scena che concorrono a creare la magia che è peculiare nei thriller dello scrittore.

Arnaldo Pavesi

"Il tredicesimo simbolo"